Archivi Blog

da quanti punti parte un leghista?

In due anni dovranno imparare come funzionano il Parlamento e il Governo, cosa dice la Costituzione, come si usa un congiuntivo, quali sono le regole civiche del nostro Paese.
Dopodiché gli stranieri regolari che hanno chiesto il permesso di soggiorno faranno la conta dei ‘crediti acquisiti’.
Una sorta di “pagella dell’immigrato”.
Con almeno trenta punti, saranno promossi e otterranno di fatto la carta di soggiorno.
Con meno di trenta crediti, ma più di sedici, saranno “rimandati” e avranno un anno di tempo per recuperare.
Con zero punti o meno, risultato a cui si arriva, ad esempio, con una condanna penale, scatta la bocciatura, il che significa espulsione immediata.
Questo e quanto si legge su repubblica.it.
Ahimè tutte cose che in primis si dovrebbero applicare ai leghisti e agli italiani in genere perché non si può chiedere ad uno straniero ciò che non appartiene nemmeno all’italiano medio.
Inoltre non mi convince il ministro Maroni anche perché prima di arrivare a questo dovrebbe riuscire a rilasciare i permessi di soggiorno entro i limiti di legge e  non ci dovrebbe far aspettare per la cittadinanza Italiana per ben 13 anni ( 10 anni di residenza in Italia per richiederla e 3 anni di attesa senza garanzie dopo la richiesta). Nè dovrebbe chiamare ‘contributo’ i 200€ che chiede ai 50.000 stranieri che ogni anno richiedono la cittadinanza italiana e che sono l’ennesimo furto nei confronti nei nuovi Italiani.
Mi sembra un altra messa in scena per far vedere che lavorano e per continuare a rubare i soldi ai più deboli in quanto in questo paese anche un certificato storico di residenza ci costa 15 euro ma visto che questo non basta continuano a inventare carte da vendere, corsi, punti, pagelle ecc…
Io sono convinto che un extracomunitario che sta in Italia da 10 anni parla e scrive meglio del figlio del leader leghista e predica meglio del pupazzetto Borghezio e sono convinto che ha già dato il suo contributo economico, in termini di forza lavoro e pagamento delle tasse, che gli conferisce il diritto sacrosanto al gratuito riconoscimento della sua dignità di cittadino che partecipa alla costruzione e allo sviluppo delle Stato italiano.
Cari lettori, la mia domanda è questa: se un immigrato che fa i lavori più umili e rischiosi di questo paese spesso sottopagato deve accumulare punti e pagarsi il diritto di esistere sul suolo italiano, un leghista che continua a sprecare i soldi pubblici e predica quello che tutti sappiamo mentre vive anche con i soldi che pagano gli immigrati, con quanti punti dovrebbe partire???

un giovane mi ha scritto…

guarda capisco benissimo lo stato d’ aninimo che può provare un immigrato rispettoso delle regole…….e noi italiani lo proviamo in prima persona quando andiamo all’ estero, venendo etichettati come italiano=mafia solo perchè i nostri meridionali 100 anni fa sono stati gli esportatori della mafia in tutto il mondo, ed io come la maggior parte della gente del nord nn c’entra nulla con questa dicotomia!!
Io ti porto la testimonianza del mio comune modena…..nel quale negl’ ultimi 10 anni e passata dal 58°  all’ 8° posto nelle classifiche per numero di furti rapine e scippi dei quali ben il 59% percento commesso da persone immigrate, ed in questo 59% ben il 64% senza regolare permesso di soggiorno!!!…….dovreste essere voi,  persone per bene che dovete schiararvi dalla nostra parte, visto che per colpa di alcuni vostri connazionali mal intazionate finite per rimetterci la faccia tutti!
Io sto portando avanti questa politica nel mio comune e sto vedendo già i primi frutti tanto che nella nostra sezione abbiamo già tesserato 3 albanesi, ed 1 indiano!!!
poi ti racconto questa, l’ altro giorno sono andato i questura a rinnovare il passapaorto, e come ben saprai la questura è l’ organo che oltre a rilasciare i permessi di soggiorno rilascia anche le cittadinanza italiana (è rilasciata agli stranieri che risiedono legalmente da almeno 10 anni nel territorio italiano)  e durante l’ interminabile fila che ho fatto, ho avuto modo di assistere a scene che mi hanno fatto verament eriflettere!!!Erano presenti solamente 5 stranieri che richiedevano la cittadinanza italiana, e tra questi 5 solo una ragazza ghanese si dimostrava palesemente felice di essere una nuova cittadina italiana, altre 3 persone con cui non sono riuscito a parlare e di conseguenza non so dirti la provenienza ma il quinto di nazionalità marocchina alla,mia domanda:”perchè hai deciso di prendere la cittadinanza italiana?”. Ha risposto, così se prima c’erano minime possibilità che mi rispedisserò a casa se colto in fragrante, adesso queste possibilità con l’ acquisizione della cittadinanza sono totalmente sparite!!!
Sperò di non esser stato troppo noioso……attendo una tua risposta in merito.
ps:mi fa piacere che ci siano persone disposte al dialogo!!

Cordiali saluti W.B.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: