Alla ricerca dell’orgoglio perduto!

In questi giorni si è parlato molto dell’orgoglio, dell’essere orgogliosi di essere italiani. Io, se fossi italiano, non sarei poi così orgoglioso già solo per il fatto che l’orgoglio di per sé non è uno dei lati migliori di un essere umano.
Se l’umanità fosse felice e giusta non utilizzerebbe mai questa parola.
Non sarei poi orgoglioso di essere italiano perché in Parlamento verrei rappresentato da mafiosi e leghisti, perché per fare 210 km da Genova a Parma ci si mettono 5 ore di treno, perché il debito pubblico aumenta di miliardi di euro ogni mese, perché non si investe nell’istruzione e nella ricerca, perché si vuole modificare la Costituzione che è l’unica cosa sana che in questi tempi ci è rimasta. L’Italia unita? Io credo che sia ancora un desiderio e non una realtà, basta vedere i leghisti che si rifiutano di cantare l’inno di Mameli. Non sarei orgoglioso del nostro tasso di disoccupazione, della Fiat, della Golden Lady, e di tutte le aziende italiane che non sono esse per prime così orgogliose di essere italiane da non portare la produzione altrove. Non sarei orgoglioso per l’incuria che c’è in Italia per i beni culturali e la loro inesistente valorizzazione artistica, e qui è d’obbligo pensare alle case cadute a Pompei ed Ercolano con le quali si è perso un bene che era dell’umanità e non solo degli italiani e che avevamo la responsabilità di preservare per le future generazioni mondiali. Non sarei orgoglioso per la tutela dell’ambiente dato che ovunque, nonostante l’aumento dei tumori maligni anche fra i neonati, prolificano gli inceneritori e si vuole riavviare il nucleare persino dopo che un referendum apposito stabilì che l’Italia non voleva adottarlo mai più. Non sarei orgoglioso nemmeno per la politica ‘al femminile’, dopo tutte le violenze su donne e bambini che continuiamo a vedere tutti i giorni. Potrei continuare ad elencare i miei motivi di ‘non orgoglio’ ma farei prima a chiedere ‘di che cosa siamo orgogliosi allora’? Sicuramente non bastano pizza e mandolino per esserlo ma occorrono i veri valori dell’umanità.

Annunci

Pubblicato il 17 marzo 2011, in Politica con tag , , , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. 3 commenti.

  1. Enzo Biagi diceva: “L’orgoglio è un sentimento che non mi appartiene, io sono contento di essere italiano.”
    Non sono così convinto che i leghisti siano poi davvero rappresentativi del loro elettorato. Penso che esista una quota di deficienti che sono passivamente trascinati dai papaveri col fazzoletto verde e che se non votassero lega andrebbero dietro a qualche altro becero.
    Per il resto, sono d’accordo con il tuo ritratto dei nostri problemi, ma non dobbiamo buttare il bambino con l’acqua sporca. La critica è il sale del pensiero e deve servire per indicare il cammino, non per scoraggiarsi. Apprezzo il tuo post, perché credo che lo spirito che lo ispira non rispecchi l’atteggiamento di quanti in questi giorni si sono premurati di avvertire che non avrebbero festeggiato, perché schifati dalla situazione. Schifati lo siamo tutti (o quasi), la soluzione è impegnarsi, non ritirarsi dall’opera.

  2. E’ una bella riflessione, con cui sono daccordo, in particolare con il finale dove dici, a proposito dell’essere orgogliosi :” Sicuramente non bastano pizza e mandolino per esserlo ma occorrono i veri valori dell’umanità.”
    Direi che partendo da questo presupposto si può avere un’orgoglio di esseri umani, senza avere un’orgoglio di “nazionalisti”.

  3. Hai fatto un ritratto dell’Italia di oggi (e di ieri) molto preciso e attento e non posso che essere d’accordo con tutto ciò che hai scritto. Bravo.
    Io non mi sento orgoglioso di essere italiano, però provo amore per il mio paese e per la sua storia. È questo amore che dovrebbe spingerci tutti a lavorare e cooperare onestamente per costruire un luogo migliore, senza corruzione, senza diseguaglianze e ingiustizie e con una struttura sociale che funzioni bene, dalla sanità alla scuola pubblica e alla ricerca.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: