1 Marzo 2011 – Lo sciopero di chi il lavoro non c’è l’ha.

Ho voluto dare il titolo in modo ironico ma spinto da un motivo fondato.
Lo sciopero è l’unico strumento valido di protesta dei lavoratori, ma se questi lavoratori sono sempre meno chi deve scioperare??
Da un lato il giorno del primo marzo mi sembra un altro giorno di apparenza e di poca sostanza. Di apparenza perché per avere rilevanza il suo succo consiste nel fatto che un lavoratore debba assentarsi dal proprio posto di lavoro per 24 ore.
Di poca sostanza in quanto alla fine si scende in piazza dopo il lavoro cosa che non serve a niente.
Andare in piazza il 1° marzo dopo aver lavorato è come andare allo stadio o in chiesa la domenica, uno sfogo personale senza effetti sull’oggetto dello sciopero.
Cari lavoratori Italiani e NON, se veramente vogliamo rendere effettivo il diritto di scioperare il primo marzo devono mancare il latte e il pane in tutti i supermercati, deve assentarsi la badante e la domestica straniera, devono rimanere chiusi tutti i cantieri edili e dobbiamo vedere sporche tutte le strade dei paesi in cui si sciopera.
Solo davanti a questi fatti incominceranno a riflettere le persone che riflettono poco. Con il verificarsi di queste situazioni si applica e si celebra il sacrosanto diritto di scioperare che trova le radici nei frutti del nostro lavoro.

Io, con questo post vorrei anche sostenere la tesi secondo cui un giorno di lavoro di un operaio è più importante di un giorno di lavoro di un politico italiano il quale dopo le nottate di sesso estremo in parlamento ci va a dormire (se ci va). Nonostante questo anche le leggi che fanno sono leggi ad personam quindi nel loro interesse. Il nostro lavoro invece produce effetti nei confronti di tutti, il nostro scioperare farebbe SI che la Minetti rimanesse senza latte il primo marzo, ecco la superiorità del nostro lavoro in confronto a quella di un politico.
Sostenevo anche l’anno scorso la stessa cosa su RPR (radio Parma). Non serve a niente sventolare un cartellone in piazza dopo un giorno di lavoro in nero o precario, serve invece spegnere il telefono e non presentarsi al lavoro per 24 ore.
Quest’anno è il secondo anno che dovremo scioperare, spero che saremo più numerosi rispetto all’anno precedente.

Annunci

Pubblicato il 22 febbraio 2011, in Politica con tag , , , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. 3 commenti.

  1. POSSONO SCIOPERARE ANCHE I VOLONTARI COME ME CHE LAVORANO DI PIU’ DI CHI PERCEPISCE UNO STIPENDIO DI 2.000,00 E PASSA EURO AL MESE?

  2. Avete ragione.

  3. Il sentimento umano in rapporto al sesso è il vero mistero di questa vita! Commevente!

    Complimenti per il post e per il blog!

    Tra l’altro spero avrai modo di ricambiare la visita sul nostro blog Vongole & Merluzzi. Ti invito a leggere un post che parla trasversalmente se vogliamo della complicatezza del sentimento. In questo post si parla di San Valentino (e non solo…) visto da un punto di vista molto partciolare…

    http://vongolemerluzzi.wordpress.com/2011/02/14/post-di-una-squillo-per-bene/

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: