Visar Zhiti – Poeta albanese

I MALATI

I prigionieri
al ritorno dall’ospedale
sono più pallidi di noi.

Come si dispiace la neve
per il suo candore in quei volti derelitti,
volge lo sguardo altrove
e piange
come una matrigna buona.

Le catene,
pur serrate dai catenacci,
scivolano
dai polsi scarniti.

di Visar Zhiti  poesia I Malati

______________________________

Stralci da sue biografie apparse nei libri pubblicati in Italia.

Visar Zhiti è nato a Durrës (Durazzo) nel 1952. Laureato in letteratura esordisce giovanissimo in poesia sulle più prestigiose riviste letterarie albanesi. Nel 1979 cade sotto le grinfie del Sigurimi, la famigerata polizia politica, e della censura i cui esperti tra l’altro scrivono «Influenzato gravemente dall’ideologia borghese-revisionista, è scivolato nel grembo di una poesia a noi estranea e ostile, che danneggia la linea del Partito». In base a questo atto fu condannato «per agitazione e propaganda contro lo Stato» a dieci anni di carcere che scontò in lavori forzati delle miniere e nei gulag albanesi. Qui, per la proibizione di scrivere, sfidando ogni pericolo, compose mentalmente, o su frammenti di carta, poesie che consegnava segretamente alla madre durante le rare visite permesse.
Ottenuta la libertà, nel 1987, per il suo “peccato” poté lavorare solo come operaio. Nel 1990, iniziati i primi movimenti che portarono successivamente alla caduta del regime, partecipa alla formazione del movimento democratico, nel 1996  viene eletto deputato in Parlamento. Attualmente è Ministro consigliere per la cultura presso l’Ambasciata albanese a Roma.
In Italia ha pubblicato la raccolta di poesie Dalla parte dei vinti (1998), e per le edizioni Oxiana di Pomigliano d’Arco (Na), Croce di carne (1997) e Passeggiando all’indietro (1998), entrambi tradotti dall’albanista italiano-arbëresh Elio Miracco; questi sono stati accolti favorevolmente dalla critica italiana e straniera. È stato tradotto anche in greco macedone e rumeno; è presente in antologie francesi, inglesi e tedesche.
Ha ricevuto in Albania nel 1993 il Premio Nazionale per la poesia e nel 1995 il premio Velja, in Italia il premio per la Poesia Leopardi d’Oro nel 1992 e il premio Ada Negri nel 1997.
Giuseppe Gradilone, direttore dell’Istituto di Studi Albanesi dell’Università La Sapienza di Roma, gli ha dedicato un saggio definendolo «una nuova e autentica voce del Parnaso albanese». È citato nella Piccola Treccani dell’Istituto dell’Enciclopedia Italiana, fondata da Giovanni Treccani.
Oggi, notissimo nel suo Paese per l’intera opera poetica, assurge a simbolo della persecuzione e da ruolo primario nella letteratura contemporanea albanese.

_________________________

dedico con piacere lo spazio al poeta Zhiti Visar, mi ritengo fortunato di averlo conosciuto di persona.

Gli faccio i miei migliori Auguri e Complimenti per il premio vinto ultimamente.

http://www.antiarte.it/v_z.htm   http://www.antiarte.it/eugius/francione_e_visar_zhiti.htm  http://www.albanianliterature.com/authors3/AA3-32.html   http://medea.provincia.venezia.it/est/veneziano/vz2.htm

Annunci

Pubblicato il 19 novembre 2008 su di tutto e di più. Aggiungi ai preferiti il collegamento . 2 commenti.

  1. ciao! c’è la possibilità di avere anche il testo originale?

  2. Acroroted-online

    quello che stavo cercando, grazie

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: