Rappresentanza (d. civ.) artt. 1387-1400 c.c.

Rientrando nel più ampio fenomeno della collaborazione negoziale sotto forma di sostituzione [vedi], la (—) può definirsi come quella figura di sostituzione per cui un determinato soggetto (rappresentante) compie il negozio nell’interesse di un altro soggetto (rappresentato).
Della (—) abbiamo due forme:
diretta, quando il rappresentante agisce non solo per conto (e cioè nell’interesse), ma anche in nome del rappresentato. In tal caso si ha la spendita del nome altrui (contemplatio domini) e il verificarsi degli effetti del negozio direttamente ed unicamente nella sfera giuridica del rappresentato;
indiretta, quando il rappresentante agisce solo per conto, ma non in nome del rappresentato. In tal caso il rappresentante agisce in nome proprio, senza spendere il nome del rappresentato e gli effetti giuridici del negozio si realizzano nella sfera giuridica del rappresentante, per cui sarà necessario il compimento di un’ulteriore attività affinché tali effetti possano riversarsi definitivamente in capo al rappresentato.
Avendo rilievo, nei rapporti con i terzi, la volontà del rappresentante, è di essa che si terrà conto nel rilevare eventuali
vizi del volere: la loro sussistenza renderà annullabile il contratto concluso per (—).
Nel caso in cui il rappresentante abbia agito senza poteri ovvero abbia ecceduto i poteri conferitigli (
falsus procurator), l’art. 1398 pone a suo carico la responsabilità per il danno sofferto dal terzo contraente che, immune da colpa, abbia confidato nella piena validità del contratto. Ciò, sempreché non intervenga in tempo utile la ratifica da parte dell’interessato, atto con cui viene sanato il difetto o l’eccesso del potere di (—) retroattivamente, senza pregiudicare i diritti acquisiti dai terzi (art. 1399).
• (
) apparente
Si configura allorquando lo pseudo-rappresentato, con il proprio comportamento di tolleranza nei confronti dell’agire del
falsus procurator, dia causa all’apparente legittimazione del medesimo, ingenerando nei terzi, senza loro colpa, un ragionevole affidamento sulla sussistenza del potere rappresentativo. In tal caso lo pseudo-rappresentato risponde dell’operato del rappresentante apparente ed è vincolato dal contratto da questi concluso.
• (
) legale
In tale ipotesi è la legge che conferisce i poteri al rappresentante. La (—) legale presuppone
iuris et de iure l’impossibilità giuridica del rappresentato di compiere determinati atti (incapacità di agire) e, in taluni casi, può venire meno con l’acquisto della capacità di agire [vedi] da parte del rappresentato.
• (
) organica
Indica il potere rappresentativo che compete agli
organi esterni [vedi Organi sociali] di un ente giuridico.
L’
organo che stipula un contratto non si sostituisce all’ente ma agisce come parte integrante di esso. L’attività dell’organo è quindi attività di una parte dell’ente e come tale viene imputata all’ente stesso. La (—) organica rileva principalmente ai fini della responsabilità [vedi] extracontrattuale.
• (
) passiva
Con tale termine si indica il potere del rappresentante di
ricevere atti o prestazioni in nome e per conto del rappresentato; essa si contrappone alla (—) attiva che è quella tipica e che consiste nel compimento di atti in nome e per conto del rappresentato.
Un esempio di (—) passiva si ha all’art. 1188 c.c. che prevede che il rappresentante del creditore sia legittimato a ricevere la prestazione.
La (—) attiva comprende sempre anche quella passiva.

• (
) volontaria
Tale figura ha come
fondamento una valutazione del rappresentato che, nell’ambito dell’autonomia negoziale [vedi], ritiene più proficuo agire a mezzo di sostituti e con la procura [vedi] conferisce ad un’altra persona il potere di rappresentarlo.
La (—)
volontaria non può trovar luogo in tutti quei negozi per il cui compimento la legge non ammette soggetti diversi dal titolare del diritto (testamento, donazione, matrimonio).
Nel campo dei rapporti internazional-privatistici, la (—) è regolata dalla legge dello Stato in cui il rappresentante ha la propria sede professionale, o da quella dello Stato in cui costui esercita i suoi poteri nel caso concreto (art. 60 L. 218/95).

Annunci

Pubblicato il 28 ottobre 2008 su Senza categoria. Aggiungi ai preferiti il collegamento . Lascia un commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: